Esattamente 70 anni fa, Christian Dior lanciava la sua prima sfilata conquistando le donne con una collezione di abiti che darà vita a un nuovo codice stilistico, passato alla storia come il “New Look”.

La potenza di questa nuova epoca è tutta concentrata nella portata rivoluzionaria e innovativa degli abiti Dior, in netto contrasto con le restrizioni degli anni immediatamente precedenti, segnati dalla Guerra. 

Scultore della vanità femminile, Dior diede forma al suo genio creativo “battendo nervosamente col martello un manichino” per modellarlo secondo le “forme della donna ideale”. Ogni colpo rintoccava un sussulto di assoluta femminilità a cui era impossibile restare indifferenti. 

La “silhouette corolle” ridefinisce volumi e geometrie, costruite con occhio clinico su ogni centimetro delle donne, pronte a spiccare il volo verso nuove evasioni. Dalle giacche strizzate in vita dirompe la voluttuosità femminile, volubile come il plissé del tailleur Bar che dona nuovo slancio al portamento. 

Le gonne accompagnano ed enfatizzano la sinuosità dei fianchi; l’orlo scende a pochi centimetri da terra, col fiato sospeso sulle fantasie che scatenerà.Dior1/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *